Crea sito
SpaziHorror
Benvenuti su SpaziHorror il portale dell'orrore, potrai trovare tutti gli approfondimenti sulla cultura horror, film classici e moderni, trame, racconti e storie da incubo, eventi paranormali, e tanto altro. Se sei un appassionato e vuoi inviare il tuo racconto preferito registrati o effettua il login lo pubblicheremo gratis.

Cerca nel sito

Vota

PDF Stampa E-mail
Giovedì 10 Settembre 2015 11:08

Umberto Lenzi

Umberto Lenzi (Massa Marittima, 6 agosto 1931) è un regista, sceneggiatore e scrittore italiano. È considerato uno dei maestri del film poliziesco all'italiana. Ha infatti diretto titoli divenuti dei film di culto, come Milano odia: la polizia non può sparare, Roma a mano armata e Napoli violenta.

Si è sempre dichiarato anarchico. Tra i suoi maestri, il regista ha sempre messo al primo posto Raoul Walsh e Samuel Fuller. Nel 2008 ha debuttato nella veste di scrittore di noir.


Biografia:


Umberto Lenzi nasce a Massa Marittima, in provincia di Grosseto, il 6 agosto 1931. Lenzi si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 1956. Il suo saggio di diploma è un cortometraggio intitolato I ragazzi di Trastevere, una storia pasoliniana su un gruppo di ragazzi del popolare quartiere romano.

In seguito Lenzi collabora con riviste cinematografiche come Bianco e Nero, prima di esordire come aiuto regista in film come Il terrore dei mari.

 

(Prime opere)

Firma la sua prima regia cinematografica nel 1961 (esclusa la parentesi di un film girato in Grecia nel 1958 che però non trova distribuzione), il film di cappa e spada Le avventure di Mary Read. In seguito si dedica alla rilettura dei classici salgariani, firmando tra gli altri: Sandokan, la tigre di Mompracem (1963) interpretato da Steve Reeves e I pirati della Malesia (1964) in cui, durante le riprese, viene sorpreso dallo scoppio della guerra civile che porta al distacco di Singapore dalla Malesia. Seguendo l'onda delle nuove tendenze cinematografiche, sfrutta di volta in volta il fenomeno filmico del momento. Ed è sull'onda del successo della serie di James Bond 007, che in due anni gira ben quattro film di spionaggio, tra cui A 008, operazione Sterminio (1965) e Superseven chiama Cairo (1965). Nel 1968 mette in scena una sceneggiatura del giovane Dario Argento avvalendosi di una produzione Titanus decisamente ricca; il titolo è La legione dei dannati, una sorta di rilettura de I cannoni di Navarone (1961). Rimane sul genere bellico - uno dei suoi preferiti - anche col film Attentato ai tre grandi e nel 1978 gira negli Stati Uniti il film Il grande attacco, interpretato da attori come Henry Fonda, Helmut Berger e John Huston. Nel 1979 con lo pseudonimo di Hank Milestone, gira Contro quattro bandiere, una coproduzione italo-franco-spagnola con George Peppard e Horst Buchholz


(I Gialli)

Lenzi in seguito si specializza nel giallo all'italiana, inventando un sotto-genere, quello del "giallo erotico italiano", che in seguito egli stesso definirà "thriller dei quartieri alti", firmando la trilogia composta da: Orgasmo (1969), uno dei film più venduti negli Stati Uniti in quel periodo[1], Così dolce... così perversa (1969) e Paranoia (1970), tutti interpretati dall'ex stella hollywoodiana Carroll Baker. In tutti questi combina erotismo, psicologia ed intrighi del mondo della nobiltà.

Nei primi anni settanta, dopo la rilettura del thriller argentiano ad opera di vari cineasti, anche Lenzi decide di inserirsi nel filone con ben cinque film: Un posto ideale per uccidere (1971), Sette orchidee macchiate di rosso (1972), Il coltello di ghiaccio (1972), Spasmo (1974) e Gatti rossi in un labirinto di vetro (1975). Tutti seguono più o meno fedelmente il modulo argentiano, a differenza di Spasmo, il quale predilige calcare terreni più introspettivi e psicologici.


(Il successo dei polizieschi)

Conseguentemente alla nascita del genere cinematografico italiano denominato come "poliziottesco" col film La polizia ringrazia (1972) di Steno, Lenzi trova finalmente il suo terreno più fertile, risultando il più prolifico cineasta di questo genere e firmando alcune tra le più apprezzate - più dal pubblico che dalla critica - opere del decennio; tra queste vanno sicuramente citate: Milano odia: la polizia non può sparare (1974), un film violento e atipico incentrato sull'ascesa criminale di un viscido delinquentello interpretato da un Tomas Milian in stato di grazia ed altri due polizieschi molto violenti: Roma a mano armata (1976), con la coppia Milian e Maurizio Merli e Napoli violenta (1976), quest'ultimo capace d'un incasso record di 60 milioni di lire solo nel primo weekend di programmazione, con protagonista ancora Merli il quale, non controfigurato, si prodiga, tra l'altro, in un lungo e spettacolare inseguimento sopra la funicolare del rione di Montesanto (Napoli).

In particolare, con l'attore cubano Milian, Lenzi crea un duraturo e fruttifero sodalizio che contribuisce alla riuscita di molte pellicole, fra cui Il giustiziere sfida la città. Insieme a Milian, inoltre, il regista inventa anche il personaggio de Er Monnezza, simpatico e furbo ladruncolo borgataro, che appare in Il trucido e lo sbirro e La banda del gobbo, fino al piccolo tradimento che Milian fa nei confronti di Lenzi, interpretando sempre Er Monnezza nel film di Stelvio Massi, La banda del trucido. In seguito a questo avvenimento, i rapporti tra i due artisti si incrina, producendo di fatto la scissione del loro sodalizio cinematografico.

Lenzi contribuisce anche al grande successo di Maurizio Merli, presenza costante nei suoi polizieschi nel ruolo del commissario tutto d'un pezzo, in film come Napoli violenta e Il cinico, l'infame, il violento.

I polizieschi di Lenzi sono molto duri e violenti, ma non manca mai l'ironia mordace tipica di questo regista.

(Altre opere)

Sempre negli Ottanta, Lenzi firma molte pellicole di vario genere, fra cui la commedia con Donatella Rettore Cicciabomba (1982), un film della serie apocrifa di Pierino (Pierino la peste alla riscossa del 1982 con il comico toscano Giorgio Ariani come protagonista), l'avventura fantastica La guerra del ferro - Ironmaster (1983) scritto sulla falsariga di Conan il barbaro e il bellico I cinque del Condor (1985). Nel secondo lustro degli anni ottanta dirige Un ponte per l'inferno (1986) e Tempi di guerra (1987), due film di guerra girati in Jugoslavia.


(Gli ultimi lavori)

L'ultima parte della sua carriera è destinata al cinema di esportazione per i mercati minori, con pellicole discrete come Obiettivo poliziotto (1989), Caccia allo scorpione d'oro (1991) e Demoni 3 (1991) noto anche come Black Demons, terzo capitolo non ufficiale della serie horror inaugurata da Lamberto Bava.

Il suo ultimo film è Hornsby e Rodriguez - Sfida criminale (1992), girato in parte negli Stati Uniti ed in parte a Santo Domingo. Un'invenzione dei produttori è invece il film Sarajevo, inferno di fuoco, uscito nel 1996 direttamente per l'home video, che combina inserti e scarti di Obiettivo poliziotto e di Un ponte per l'inferno al fine di sfruttare l'evento mediatico della guerra nei Balcani.

Ritiratosi dal mondo dello spettacolo assieme alla moglie Olga Pehar, sceneggiatrice di alcuni suoi film, recentemente ha collaborato con la rivista cinematografica italiana Nocturno, dove ha tenuto una sua rubrica.

Dovrebbe partecipare, insieme a Lamberto Bava e Sergio Martino, alla serie italiana I maestri dell'horror, ispirata al grande successo della serie americana Masters of Horror.

 

Lenzi Scrittore:

Umberto Lenzi ha ideato la figura letteraria di Bruno Astolfi, detective privato antifascista che si muove nel mondo del cinema dei telefoni bianchi per risolvere intricati delitti. Nei romanzi di Lenzi si respira l'aria greve dei primi anni quaranta, segnati dalle pesanti tragedie belliche, mentre sullo sfondo il mestiere e la conoscenza del patinato mondo del cinema dell'autore riecheggia nelle puntuali ricostruzioni di set storici e nelle efficaci descrizioni di registi, attori e comparse. Il personaggio è il protagonista di Delitti a Cinecittà (2008), Terrore ad Harlem (2009), ambientato sul set di Harlem di Carmine Gallone (1943), Morte al Cinevillaggio, ambientato a Venezia nella città del cinema voluta dalla Repubblica di Salò e Il Clan dei Miserabili (2014), ambientato appunto sul set de I Miserabili di Riccardo Freda (1948). Negli anni che vanno dal 1942 al 1945 sono ambientati i romanzi che compongono la quadrilogia Roma assassina edita in maniera sperimentale in formato digitale nella collana "Rizzoli First". Ne fanno parte: Roma assassina, Carte in regola, La guerra non è finita e Spiaggia a mano armata(2012). Quest'ultimo è stato dato alle stampe anche nel più tradizionale formato cartaceo.

 

Filmografia:


(Regista)


I ragazzi di Trastevere (cortometraggio) (1956)

Le avventure di Mary Read (1961)

Duello nella Sila (1962)

Il trionfo di Robin Hood (1962)

Caterina di Russia (1962)

L'invincibile cavaliere mascherato (1963)

Zorro contro Maciste (1963)

Sandokan, la tigre di Mompracem (1963)

Sandok, il Maciste della giungla (1964)

L'ultimo gladiatore (1964)

I pirati della Malesia (1964)

La montagna di luce (1964)

I tre sergenti del Bengala (1964)

A 008, operazione Sterminio (1965)

Superseven chiama Cairo (1965)

Le spie amano i fiori (1966)

Un milione di dollari per 7 assassini (1966)

Kriminal (1966)

Attentato ai tre grandi (1967)

Tutto per tutto (1968)

Una pistola per cento bare (1968)

Orgasmo (1969)

La legione dei dannati (1969)

Così dolce... così perversa (1969)

Paranoia (1970)

Un posto ideale per uccidere (1971)

Sette orchidee macchiate di rosso (1972)

Il paese del sesso selvaggio (1972)

Il coltello di ghiaccio (1972)

Milano rovente (1973)

Spasmo (1974)

Milano odia: la polizia non può sparare (1974)

Gatti rossi in un labirinto di vetro (1974)

L'uomo della strada fa giustizia (1975)

Il giustiziere sfida la città (1975)

Roma a mano armata (1976)

Napoli violenta (1976)

Il trucido e lo sbirro (1976)

Il cinico, l'infame, il violento (1977)

La banda del gobbo (1977)

Il grande attacco (1978)

Contro 4 bandiere (1979)

Da Corleone a Brooklyn (1979)

Scusi, lei è normale? (1979)

Mangiati vivi! (1980)

Incubo sulla città contaminata (1980)

Cannibal Ferox (1981)

Pierino la peste alla riscossa (1982)

Incontro nell'ultimo paradiso (1982)

Cicciabomba (1982)

La guerra del ferro - Ironmaster (1983)

I cinque del Condor (1985)

Un ponte per l'inferno (1987)

Tempi di guerra (1987)

Striker (1988)

La casa 3 - Ghosthouse (1988)

Nightmare Beach - La spiaggia del terrore (1988)

La casa del sortilegio (1989) (film TV)

La casa delle anime erranti (1989) (film TV)

Paura nel buio (1990)

Obiettivo poliziotto (Cop Target) (1990)

Le porte dell'inferno (1990)

Detective Malone (1990)

Caccia allo scorpione d'oro (1991)

Demoni 3 (1991)

Hornsby e Rodriguez - Sfida criminale (1992)

Ultimo aggiornamento Martedì 19 Febbraio 2019 12:04
 

Venerdì, 23. Luglio 2021

Design by SpaziHorror. Copyright © 2005-2021. SpaziHorror.org. All rights reserved.